Benvenuti all'Ecomuseo del
Lago d'Orta e Mottarone >>
AGENDA
notizie dal territorio
  ECO NEWS
notizie dall'Ecomuseo
 
CERCA  

Torna a >Paesi del lago

Massino Visconti
 

Massino Visconti è circondato dalle montagne di cui la cima più imponente è il Mottarone; è una finestra sul Lago Maggiore e, nonostante la sua bassa altitudine (456 m. in Massino, 794 m. sul Monte San Salvatore), gode di un invidiabile panorama: la vista spazia su buona parte del varesotto, raggiungendo Milano e Novara.
Un paese collinare, dunque, che un tempo era regno di vigne e olivi.
Da quanto risulta circa le prime testimonianze su Massino, il Bascapè annota nel volume da lui scritto nel 1612, la Novaria Sacra:Massino pare detto così da masso, parola che viene da manso. Mansus poi o Mansum è un possesso ovvero sia un podere.
Il termine indicherebbe perciò un fondo da cui si poteva abbondantemente trarre il necessario per sé e per la famiglia, i tributi per pagare il padrone e, all`interno del quale, si trovavano anche la corte e il villaggio, ciè esistevano degli edifici in muratura.Un`altra teoria indica Massino come luogo già abitato dagli Insubri, e fa derivare il nome da Maximum, termine romano, che si diffuse quando le legioni conquistarono l`Insumbria, la popolarono, introdussero la loro lingua, leggi, costumi.
Molti romani diedero il nome della propria famiglia ai piccoli centri che si stavano creando nel Vergante, eccezion fatta per Massino: essendo il luogo più abitato lo vollero dedicare a Giove Massimo (da cui sembra prese successivamente il nome).
Dalla dominazione romana Massino passò a quella dei Longobardi: si ricorda in particolare l`episodio che, secondo la tradizione, vide re desiderio purificare e riconsacrare, rendendolo luogo di culto cristiano, il tempio che i romani avevano edificato. Da quanto risulta dalle fonti il tempio era a forma quadrata, era costituito da un`unica aula ed era dedicato a Giova Massimo; dopo la sua consacrazione venne intitolato a Santa Maria della Purificazione.
La dominazione romana è comunque documentata da un sarcofago rinvenuto nel territorio.
La Corte di Massino passò a Ludovico II che nell`865 ne fece dono a sua moglie Angilberga, la quale legò Massino al monastero di san Sisto, presso Piacenza, coll`onere di mantenere in suddetta Corte dieci monaci ai quali la badessa doveva somministrare l`occorrente per il vitto.
Ma negli anni seguenti all`877 la volontà di Angilberga non venne più rispettata non venne più rispettata poiché la Corte passò a Liutvardo, vescovo di Vercelli che nell`882 la donò al monastero di San Gallo, in Svizzera.
Nel 1134 il paese venne infeudato ai Visconti e rimase in possesso di questa famiglia e di rami collaterali fino al secolo XVIII.
Nel Cinquecento i Visconti cercarono ripetutamente di impossessarsi della Riviera di San Giulio.
I Visconti, ricordati anche nella titolazione del paese, furono la famiglia più importante del borgo.
Nei secoli XIX e XX Massino Visconti vide sempre più affermarsi il ruolo di centro turistico, in sostituzione dell`antico interesse per l`agricoltura.

Tratto dal Sito del Comune di Massino Visconti


Versione stampabile

allegati:
     > HOME PAGE
     > L'ECOMUSEO
     > IL TERRITORIO
     > DOVE SIAMO
     > CONTATTI
     > LINK

Iscriviti alla Mailinglist

Inserisci il tuo indirizzo email
 
       | CHI SIAMO
       | Amici dell`ecomuseo
       | Amici d`Oro
       | LAGO D`ORTA
       | Musei Aperti
       | Paesi del lago
       | Luoghi della fede
       | Edifici civili
       | Orta reloaded
       | ITINERARI
       | Giro Lago
       | Autori del lago d`Orta
       | SCUOLE
       | Percorsi di scoperta
       | Progetti didattici
       | DOCUMENTAZIONE
       | Dialetto
       | Pubblicazioni
       | Storia e Tradizioni
       | PIEMONTE ECOMUSEI
       | ECOMUSEO E GIOVANI
       | Concorsi
       | ASSOCIAZIONI
       | TURISMO
       | ENOGASTRONOMIA
       | Progetti

 

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedí al venerdí)
info: ecomuseo@lagodorta.net PEC: ecomuseo@lwcert.it
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030
2006© LakeWeb s.r.l.